Dermo Quiz 20 - proposto dal dott. C. Schepis

Una bimba nel secondo anno di vita, giunge all’osservazione, in stagione invernale,  per la presenza sulle gote, di un eritema, infiltrato, bilaterale e caldo al tatto (fig.1). Un lesione analoga, a coccarda, con centro emorragico, è presente sulla superficie laterale del 3° prossimale della coscia dx (fig.2). 


fig. 1

fig. 2

La bimba è in buono stato di salute, non febbrile e non manifesta alcun disagio durante la visita. I comuni esami di routine,  già effettuati, sono nella norma. I genitori rifiutano l’idea di una breve ospedalizzazione per un approfondimento diagnostico. Si prescrive, in base al nostro sospetto clinico, una terapia a base di corticosteroidi a basso dosaggio per os e nel giro di un paio di settimane si ottiene una remissione della obiettività clinica.

Torna dopo un anno per la ricomparsa della sintomatologia in sedi analoghe (fig3), ma non sul volto, con impegno prevalente delle zone plantari che appaiono calde e moderatamente dolenti. L’epidermide appare inoltre esfoliata in sede plantare ed è presente vescicolazione centrale emorragica  fig. 4-5). Inviamo la bimba a ricovero per gli approfondimenti del caso.


fig. 3

fig. 4

fig. 5


Che diagnosi ipotizziamo vista la clinica, l’età di comparsa, ed il periodo invernale di insorgenza? 

Powered by Blogger.